Nata da una famiglia di artisti e musicisti armeni, pianista svizzera-armena Sona Igityan comincia i suoi studi musicali a sette anni presso la Sayat-Nova, una delle più prestigiose scuole di musica di Erevan, sua città natale. È sotto la guida di Venus Haroutunian, professore d’eccezione e di grande sensibilità, che comincia il suo apprendistato e che si distinguerà presto per una tecnica esecutiva di straordinaria agilità e un suono profondo. Tre anni più tardi interpreterà il concerto di Bach in sol minore con l’Orchestra da Camera Nazionale d’Armenia riportando grandi consensi di critica e di pubblico. 

 

Vincitrice di numerosi concorsi nazionali come il Festival d’interpretazione pianistica di Erevan e registrato per la Radio Nazionale Armena diversi concerti per piano solo e piano e orchestra, Sona continua ad arricchire il suo bagaglio artistico perfezionandosi sotto la guida di maestri di fama internazionale come Willy Sarkisian in Armenia, Elisabeth Athanassova, Michel Kiener, Jean-Jacques Balet et Paul Coker in Svizzera e Paco Moya in Spagna. Ottiene i suoi diplomi di solista e di musica da camera nei conservatori di Erevan nel 1996 e di Ginevra nel 2007.

 

Prosegue la sua carriera di pianista concertista esibendosi regolarmente in recital, come solista con orchestra e come musicista da camera in diverse città armene e in tutta Europa. In Svizzera, dove risiede attualmente, è chiamata regolarmente a esibirsi in diversi festival e stagioni concertistiche come «Concerts d’été en Vieille-Ville» à Genève, Festival du Jura, Festival de piano «Concertus Saisonnus», Fête de la Musique de Genève et de Nyon, Galerie «La Primaire», «Le monde à part», …

 

Il repertorio di Sona Igityan comprende periodi e stili differenti, dalla musica barocca alla musica contemporanea. Avendo una predilezione per la musica del XX secolo è stata invitata a più riprese a partecipare alle creazioni di compositori contemporanei quali Ashot Zohrabian, Eduard Sadoyan, Karl Haydmayer et Shauna Beesley.